Nella terra di nessuno

Nel suo bel libro La letteratura dopo il World Wide Web (Bononia University Press, 2002),  Jerome McGann si domandava: "Fra cento anni, quali fra questi due nomi ha maggiore probabilità di restare presente nella tradizione della riflessione critica e quale (...) apparirà come una semplice espressione del proprio tempo: Vannevar Bush o Harold Bloom?" (p. 21). La disturbante domanda sembra trovare un'implicita risposta nel primo numero della neonata rivista "Informatica Umanistica" che sfida quanti (Moratti & Gelmini incluse) avevano scommesso sulla scomparsa della IU dal panorama universitario. Rivista_IU

Falcidiata di riforma in riforma, azzoppata dalla revisione delle classi di laurea e tuttora orfana di un raggruppamento disciplinare, l'informatica umanistica non ne vuole sapere di morire. La ragione si capisce scorrendo le cento pagine di cui si compone questo prezioso volume. Che rimarrà innanzitutto come punto di riferimento per tutti noi: una ricognizione, ai limiti dell'autocoscienza, di che cosa è, di che cosa siamo, di che cosa le discipline umanistiche stanno divenendo. "Future is now" è il titolo di un fortunato video di qualche anno fa che illustrava la creazione di un grande centro di New Humanities presso la Rutgers University. L'accademia raramente sa accogliere l'innovazione, ma qualche volta è costretta e quasi sempre si incarica di istituzionalizzarla (addomesticarla). Il futuro è qui: l'accademia italiana, nello sfacelo generale, può continuare a ignorarlo, ma un gruppo di studiosi e studiose ha deciso di raccogliere la sfida. Il volume è costruito come un collage di risposte (commentate) a cinque domande poste a dodici studiose e studiosi provenienti da varie discipline, ivi comprese informatica e diritto.  Trattandosi di un numero fondazionale, le domande ruotano attorno al dilemma delle "due culture", alla natura (strumentale o teorica?) del rapporto fra informatica e discipline umanistiche e al contributo di queste ultime alla nascita e allo sviluppo tanto delle metodologie che delle applicazioni informatiche. L'insieme delle risposte è organizzato in tre sezioni più due capitoli autonomi (3 e 5), ma sempre collegati ai temi accennati: 1) Una questione di definizioni: rapporti fra discipline umanistiche e informatica; 2) Quantità e qualità. I testi, le biblioteche e l'accesso alle informazioni; 3) Tecnologie e problemi giuridici; 4) Cultura, didattica e ricerca; 5) Ai confini dell'informatica. Poiché non sarebbe possibile rendere giustizia alla ricchezza e complessità delle risposte, scelgo anch'io la via del collage (abridged), riportando alcuni passi che mi hanno colpito:

"Occorre tenere presente che l'informatica è una disciplina recente. Sia che se ne individui l'origine nelle ricerche sull'automazione dell'ultimo dopoguerra, sia che invece la si faccia discendere dalla tradizione del calcolo, la nascita dell'informatica è così prossima ai nostri giorni da far dubitare più di un ricercatore sulla sua natura di disciplina uniforme e definita..." (Cercare di capire, Editoriale, p. 10)

"È infatti evidente che la vecchia dicotomia tra studi scientifici e studi umanistici ha perso la sua attualità e sarebbe forse utile riflettere più a lungo sulle possibilità di una nuova alleanza (...). Il paradigma delle due culture (...) è ancora più superato di quelle gentiliano." (Elio Franzini, p. 31)

"L’informatica, come è stato detto nell’editoriale della rivista, è una disciplina recente, senza uno statuto epistemologico ben chiaro e figlia di una serie di spazi interdisciplinari (...).  I luoghi della ricerca durante la II Guerra Mondiale e negli anni immediatamente successivi ad essa hanno creato uno spazio tra le discipline, una terra di nessuno nella quale, come disse Norbert Wiener, è stato possibile costruire l’innovazione. La mia impressione è che i problemi etici, sociali, filosofici ed epistemologici siano stati tematizzati fin dalla nascita dell’informatica e siano stati presenti anche nel successivo passaggio innovativo: quando il computer fu rappresentato come uno strumento di comunicazione. Questa prospettiva comunicativa, che non esiterei a considerare rivoluzionaria, è stata alla base del concetto di interfaccia uomo-macchina e anche dell’idea di una rete di interconnessione tra tutte le macchine. Ad essa hanno contribuito personaggi del calibro di Vannevar Bush, J.C.R. Licklider, Robert Taylor, Douglas Engelbart, Ted Nelson, Donald Norman, ed altri. Costoro, o provenivano da una formazione di base in discipline umanistiche, come Licklider, Taylor, Norman e Nelson, oppure avevano una profonda sensibilità che li spingeva a essere visionari nei confronti del futuro rapporto tra macchina e umanità. L’approccio umanistico, quindi, non solo può contribuire allo sviluppo dell’informatica, ma possiamo affermare che esso abbia già avuto un ruolo centrale nella sua storia." (Teresa Numerico, pp. 34-35)

"La presenza di teoria in ogni operazione informatica rende visibile un terreno sul quale si intersecano inscindibilmente scienze umane e scienze naturali." (Commento editoriale, p. 76)

"L'applicazione pratica, la semplificazione procedurale e operativa dell'algoritmo, spesso occultano le scelte teoriche che danno una forma al mondo." (Luca Giuliano, p. 77)

Non può mancare in questo florilegio il lupus della fabula, ovvero la voce di un informatico, Ottavio M. D'Antona, il quale alla domanda "come vedi la questione del rapporto con le discipline umanistiche?", così risponde: "Inizierei da quello che le discipline umanistiche non devono fare: non devono cercare di essere un'informatica che lavora in settori diversi. (...) In definitiva, credo che il principio di autenticità disciplinare consista soprattutto nell'avere la capacità di costruire i propri strumenti concettuali (...) ogni disciplina deve avere la dignità del proprio metodo" (p. 94). La prima parte della risposta è sorprendente, perché descrive esattamente la tentazione attuale delle facoltà umanistiche, il cui destino (già predetto da Tito Orlandi una decina di anni fa) sarà quello di essere colonizzate da ingegneri. Al contrario il progetto dell'Informatica Umanistica, pur non escludendo una stretta collaborazione con l'ingegneria e l'informatica, va nella direzione di un rilancio e non di una subordinazione delle discipline umanistiche. La seconda parte della risposta di D'Antona lascia più perplessi e parrebbe in contraddizione con quanto affermato più avanti, ovvero la necessità di una cooperazione da cui nasca "l'opportunità di immaginare problemi nuovi e nuove soluzioni" (p. 95). Ma com'è possibile immaginare nuovi modelli concettuali se la realtà digitale ci unisce, ma i metodi ci dividono? Anche il discorso del e sul metodo andrebbe dunque ripensato.

Cinquanta anni fa, Claude Lévi-Strauss, nella sua conferenza inaugurale al Collège de France per il conferimento della cattedra di Antropologia sociale (una delle prime al mondo), nel mappare gli incerti confini della nascente disciplina, descriveva l'antropologia come "l'occupante in buona fede di quel campo della semiologia che la linguistica ancora non ha rivendicato come proprio". L'informatica umanistica è oggi nella stessa situazione? Rivendica e occupa cioè un campo ancora non dissodato (ma per quanto?) dall'informatica? La mia impressione è diversa. Io credo infatti che l'informatica sia parte di una nuova disciplina che ancora  deve nascere. Non si tratta dunque di ritagliarsi dei margini (per noi umanisti) o annettere nuovi territori (per ingegneri e informatici). E nemmeno di costruire una (accademicamente improbabile) alleanza. La storia della scienza, come insegna il caso dell'antropologia esposto da Lévi-Strauss (ma è lo stesso per la psicologia, la sociologia, la pedagogia, ecc.), procede per frammentazioni e specializzazioni.  Qualche volta per contaminazioni. Ragioni storiche opposte a quelle maturate nel corso degli ultimi due secoli spingono le discipline del trattamento dell'informazione e della manipolazione e interpretazione dei simboli verso una convergenza. Siamo nella terra di nessuno dell'innovazione. Ma una cosa è certa: non dovremo attendere cento anni perché questa nuova cosa acquisti un nome.

3 Commenti su “Nella terra di nessuno”

  1. Pasuale Stoppelli si (e mi) domanda il perché di una rivista cartacea. In realtà IU è gratuitamente scaricabile in PDF (non stampabile!). Ma è comunque una buona domanda. Credo che la risposta, ahimè, risieda nell’arretratezza del nostro sistema accademico, dove la carta è considerata ancora l’unico oggetto scientificamente valutabile. Questo spiega perché anche venerande riviste del settore, come Literary and Linguistic Computing, vengano tuttora stampate. L’eccezione è la recente Digital Humanities Quarterly:
    http://digitalhumanities.org/dhq/

  2. Il modello della rivista IU non mi sembra molto diverso, in fondo, da quello della Rice University Press, che aveva chiuso nel 1996 e ha ripreso pubblicando in digitale: v.
    http://ricepress.rice.edu/
    e per il nuovo progetto
    http://rup.rice.edu/about/mission?mission=1 .
    Nel Board of Directors c’è anche McGann che, come si sa, è tra i promotori del progetto NINES
    http://www.nines.org/
    che considera l’editoria digitale anche come una risposta alle difficoltà sempre crescenti che incontra la pubblicazione della produzione accademica. In fondo alla home page si trova scritto “NINES: aggregating 408,820 peer‑reviewed digital objects from 60 federated sites”. Trovo molto importante insistere sul “peer-reviewed”, per rispondere a chi tende a screditare la produzione digitale, e molto istruttivo leggere la finestra che si apre seguendo il link ancorato a “digital objects”.